Argomentazioni

Sicurezza per tutti

La realizzazione di vie ciclabili più ampie offre sicurezza ai ciclisti e vantaggi ai pedoni, che possono così disporre di tutto il marciapiede. Inoltre, grazie a condizioni più chiare per il traffico ciclistico e motorizzato, diventa più sicura e scorrevole anche la circolazione dei veicoli a motore.

Benefici per l’uomo e per l’ambiente

Che sia nella quotidianità o nel tempo libero, andare in bicicletta è salutare e ci aiuta a restare in forma e di buon umore. La bici non solo è il mezzo di locomozione a maggior risparmio energetico e che occupa il minor spazio, ma è anche silenziosa e priva di emissioni e tutela, pertanto, le nostre risorse e il nostro ambiente.

La bici fa bene anche alle nostre tasche

Muoversi in sicurezza in bici o a piedi significa non gravare ulteriormente sulla difficile gestione degli spazi in un Paese così densamente popolato come la nostra Svizzera. Piste ciclabili più ampie ci fanno risparmiare, in qualità di assicurati, sulle spese sanitarie e legate ai sinistri e, in qualità di contribuenti, sui costi infrastrutturali. L’infrastruttura ciclistica è decisamente più economica della costruzione di strade per i veicoli a motore.

Una tira l'altra

Con vie ciclabili attrattive e ininterrotte sempre più persone optano per la bicicletta, sgravando notevolmente i mezzi pubblici e le strade e consentendo di ridurre i picchi di traffico.

La Svizzera come esempio, anche per i ciclisti

La nostra rete di sentieri, così «tipicamente svizzera», è un esempio per il mondo intero. Perché? La risposta sta nella Costituzione, che obbliga la Confederazione a prendersene cura. I Cantoni, i Comuni e le organizzazioni coinvolte hanno sviluppato una rete di sentieri di alta qualità. La Confederazione dovrebbe seguire quest’esempio anche per le piste ciclabili e, con l’Iniziativa per la bici, ricevere la competenza per potenziare la mobilità ciclistica a livello nazionale.

I bambini vogliono andare in bicicletta

I bambini e i giovani amano muoversi e lo fanno volentieri in bici, perché offre indipendenza e flessibilità. Una predisposizione che dovremmo favorire con tutte le nostre forze. I giovani ciclisti hanno però bisogno di strade e spazi più sicuri e accoglienti. La Confederazione deve far sì che il traffico rispetti le esigenze dei bambini.

Download Argomentazioni